...opinioni sui film...libri...musica e...non solo!

lunedì 23 novembre 2015

Freddie Mercury...Parole e pensieri !



Il 24 novembre 1991 muore a Londra Freddie Mercury, nome d'arte di Farrokh Bulsara. Nato a Zanzibar con ascendenze parsi e indiane, fu fondatore nel 1970 dei Queen, gruppo rock britannico di cui fece parte fino alla morte. E' ricordato per il talento vocale e la sua esuberante personalita' sul palco. Per i Queen fu autore di brani di successo quali Bohemian Rhapsody, Crazy Little Thing Called Love, Don't Stop Me Now, It's a Hard Life, Killer Queen, Love of My Life, Play the Game, Somebody to Love e We Are the Champions. Oltre all'attivita' con i Queen, negli anni ottanta intraprese la carriera solista con la pubblicazione di due album, Mr. Bad Guy (1985) e Barcelona (1988), quest'ultimo frutto della collaborazione con la cantante soprano spagnola Montserrat Caballe', il cui singolo omonimo divenne l'inno ufficiale dei Giochi della XXV Olimpiade. Ammalatosi di Aids, sviluppo' a causa di cio' una grave broncopolmonite che lo porto' alla morte, sopravvenuta il giorno seguente alla pubblica dichiarazione del suo grave stato di salute.






Questa è la cosa più vicina a quell'autobiografia
 che avremmo sempre desiderato.


Così un fan dei Queen descrive Freddie Mercury. "Parole e pensieri": finalmente lo spirito eccessivo e magnifico di Mercury viene reso in un libro senza intermediari che cerchino di raccontare la sua storia e interpretare i suoi pensieri attraverso il filtro delle loro opinioni. Tutto ciò che Freddie aveva da dire, dovunque l'abbia detto e per qualunque motivo, è stato in qualche modo registrato e trascritto, in molti casi per la prima volta, in queste pagine. E dentro ognuna di queste frasi si sente il marchio della sua personalità, la grana della sua voce. Si sente il suo umorismo, la sua franchezza che sfiora l'irriverenza, la sua voglia di stare al centro dell'attenzione, il suo talento nel catturarla. Si sentono note di irritazione e di tenerezza, di stravaganza e di profonda e inaspettata tristezza. E battuta dopo battuta, emozione dopo emozione, si ha l'impressione di aver ascoltato la storia di Freddie Mercury proprio dalla sua incredibile, inimitabile voce.

















Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Translate