...opinioni sui film...libri...musica e...non solo!

mercoledì 17 settembre 2014

Mafalda... la bambina dallo spirito ribelle compie 50 anni!


La bambina arrabbiata, dalle domande disarmanti e dalle amare riflessioni, preoccupata per la pace e per i diritti umani, compie cinquant'anni ma non vuole saperne di integrarsi con il mondo degli adulti. Il personaggio dei fumetti più amaro e forse per questo tra i più amati da piccoli e grandi nasce nel giugno del 1963 dalla penna di Quino (psenudonimo di Joaquín Lavado). Il fumettista argentino l'aveva ideata per una striscia pubblicitaria di elettrodomestici, che non sarà mai pubblicata. Ma già dal marzo del 1965 Mafalda si sarebbe spostata sulle pagine de "El Mundo" di Buenos Aires che le ha dedicato da subito uno spazio giornaliero. Solo un anno più tardi, le vignette saranno raccolte in un volume: la prima tiratura fece registrare il tutto esaurito in appena 15 giorni. 



Da allora è stato un crescendo inarrestabile per Mafalda, fenomeno mondiale del fumetto, pubblicata in 50 paesi, tradotta in 20 lingue, le cui strisce hanno venduto oltre 50 milioni di copie. Alla bambina ribelle, sono state dedicate una piazza e una statua a Buenos Aires, un francobollo in Belgio, una via a Bruxelles, a Gatineau (Quebec) e ad Angouleme dove, in occasione del 41/mo Festival Internazionale del fumetto fino al 10 marzo sarà ospitata in 250 metri quadri la mostra "Mafalda, una bambina di 50 anni" che poi si sposterà a Grenoble. 

Sotto al suo caschetto di capelli neri Mafalda, anche se cresciuta, resta la simpatica pessimista di sempre. Mostre, eventi, una mini expo itinerante in biblioteche, centri culturali e nelle maggiori fiere del libro italiane accompagneranno i festeggiamenti del mezzo secolo di Mafalda per tutto il 2014. La data della sua prima apparizione in una striscia è il 29 settembre 1964 sul settimanale "Primera Plana" e quattro anni dopo in Italia in un'antologia, anche se è la raccolta Bompiani del 1969 "Mafalda la contestataria", con prefazione di Umberto Eco, a renderla famosa nel nostro Paese e poi la striscia quotidiana su Paese Sera, uno dei primi giornali che decise di ospitarla. Gli anni d'oro sono i '70 con le vignette di Mafalda sempre più legate ai diritti umani e alla difesa delle donne. 

Articoli Correlati

Mafalda. Tutte le strisce

Mafalda. Tutte le strisce

di Quino





Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Translate