...opinioni sui film...libri...musica e...non solo!

sabato 1 maggio 2010

...13 regole per arginare i rischi di frode delle carte magnetiche!

Per arginare i rischi di frode nell’utilizzo delle carte magnetiche di pagamento (bancomat e carte di credito), l’Enisa ha stilato tredici regole da seguire nell’ambito delle transazioni telematiche.



Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

1)Non utilizzate apparecchi bancomat che presentino indicazioni o avvertimenti palesemente eccessivi (spesso i truffatori scrivono un gran numero di tali avvisi nei pressi della macchinetta per indurre la vittima a fidarsi). Cautela se compaiono istruzioni insolite su come utilizzare il bancomat.

2)Utilizzate gli sportelli bancomat all’interno delle banche, ove ciò sia possibile (i bancomat in strada sono più facilmente monomissibili)

3)Non utilizzate sportelli bancomat che non siano adeguatamente fissati al muro (evitare i bancomat “semovibili” e optate per quelli al riparo che costituiscono parte integrante di un edificio)

4)Massima attenzione a ciò che vi circonda, utilizzate sempre sportelli bancomat ben visibili e ben illuminati. Siate oltremodo prudenti con gli sportelli automatici collocati in aree buie o in luoghi che vi sembrano poco controllati e frequentati.

5)Controllate che chi è in coda dietro di voi si tenga ad a una distanza ragionevole.Prudenza e diffidenza verso sconosciuti che si prestino ad offrire aiuto in caso di eventuale blocco o di altre difficoltà nell’uso della carta





6)Proteggete il vostro Pin coprendo con la mano la tastiera. Ciò al fine di evitare che una telecamera nascosta o una persona nelle vicinanze possa intercettare il vostro codice. Non rivelare mai a nessuno il vostro Pin.

7)Osservare attentamente il frontalino dello sportello bancomat.Se esso appare diverso da altri della stessa zona (per esempio ha uno specchio in più sul davanti), o presenta dei residui di colla (lasciati forse da un apparecchio incollato sopra), o anche istruzioni e indicazioni in sovrappiù, servitevi presso un altro bancomat e informate immediatamente gli impiegati della banca di tali perplessità



8)Osservate attentamente la fessura nella quale infilare la vostra carta. Se la fessura della carta vi sembra anche solo vagamente strana o presenta delle irregolarità nella sua conformazione, prima di inserire la carta provate a spingere la fessura con le mani. Se qualcosa è stato attaccato sopra il vero lettore, si muoverà o potrà addirittura cadere. I dispositivi concepiti per trattenere carte e contanti devono essere incollati o fissati con il nastro adesivo al lettore di carte o al dispositivo che eroga le banconote. Se l’apparecchio bancomat dovesse presentare qualcosa attaccato alla fessura delle carte o anche alla tastiera, non fatene uso. Annullate la transazione in corso e allontanatevi. Non cercate di rimuovere eventuali dispositivi sospetti.

9)Osservate attentamente la tastiera sulla quale digitare il Pin. Anche se siete abituali frequentatori di uno sportello bancomat, prestate grande attenzione a qualsiasi differenza o a caratteristiche insolite presenti sulla tastiera sulla quale digitate il vostro Pin. Se una falsa tastiera è stata incollata sopra quella vera, vi apparirà sicuramente “fissata male” allorché cercherete di spostarla avanti e indietro.

10)Controllate che non vi siano troppe telecamere. Se vi siano telecamere in più oltre a quelle ovvie, prestare massima attenzione perchè una di quelle potrebbe essere di troppo.

11)Denunciare immediatamente le carte trattenute e, ove possibile non allontanatevi dallo sportello mentre telefonate alla banca, quindi avvisate immediatamente le forze dell’ordine.

12)Prestare attenzione se lo sportello automatico non eroga contanti o non addebita spese di utilizzo.In tal caso potrebbe trattarsi di un bancomat falso.

13)Controllate di frequente gli estratti conto. Le operazioni sospette devono essere contestate entro sessanta giorni dall’esborso tramite raccomandata con ricevuta di ritorno



[Fonte:www.anti-phishing.it]


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Translate